Apnee notturne: la soluzione c’è

apnee notturne

Gli effetti dovuti alle apnee notturne, dette anche OSAS o Sindrome delle Apnee Ostruttive del sonno, rappresentano una vera e propria piaga sociale.

No, non stiamo esagerando e i dati ufficiali sugli incidenti stradali e gli infortuni sul lavoro lo dimostrano chiaramente.

Secondo l’Automobile Club Italia, il 7% degli incidenti stradali è dovuto a colpi di sonno. Questo significa che ogni anno muoiono sulle strade 250 persone e 12 mila rimangono ferite.

Una vera e propria strage.

Se si parla di incidenti sul lavoro le cose assumono addirittura i contorni di una catastrofe: 1200 morti e 25 mila invalidi permanenti dovuti a colpi di sonno.

Apnee notturne: una patologia poco conosciuta in Italia

Ma cosa c’entra tutto questo con le apnee notturne?

Ne abbiamo già parlato in passato in questo articolo.

La OSAS è una vera e propria patologia che si manifesta durante le ore di sonno con conseguenze anche gravi sulla vita diurna del malato (appunto colpi di sonno, mal di testa, deficit cognitivo, ecc…).

Purtroppo però si tratta di una patologia poco conosciuta e per questo anche poco diagnosticata.

Questa scarsa consapevolezza del fenomeno comporta che in Italia solo il 17% delle persone realmente affette da OSAS sono assistite e curate.

Il dato è davvero allarmante se confrontato con quello di altri paesi europei: 88% in Francia, 85% in Germania e 71% in Spagna.

Il ruolo del dentista nella diagnosi e la cura delle apnee notturne

Cosa fare dunque? Qual è la soluzione?

Il ruolo del dentista in questo contesto diventa indispensabile poiché egli è in grado di effettuare una diagnosi precoce del disturbo.

Attraverso domande mirate al paziente l’odontoiatra può rilevare la presenza di apnee notturne e nei casi lievi e medio-lievi offrire una soluzione concreta e immediata.

Ad esempio, il più delle volte l’applicazione di uno specifico bite da portare durante le ore di sonno può risolvere completamente il problema.

Consigliamo ai nostri pazienti di consultare sempre un pneumologo qualora si sospetti una sindrome da apnea ostruttiva del sonno. Sovente la figura dell’odontoiatra e del pneumologo collaborano brillantemente nella risoluzione dei casi meno gravi e moderati.

Noi dello studio dentistico Dott.ri Nobile di Torino effettuiamo uno screening preliminare volto a verificare la presenza di apnee notturne nel paziente e suggeriamo la soluzione ottimale per superare il problema.