Posts Taged disturbi-dentali

denti e insonnia
Curare i denti per curare l’insonnia

Tra insonnia e denti c’è un legame di stretta causalità che sulle prime può apparire strano e bizzarro ma che in verità è ampiamente provato dalle evidenze scientifiche emerse negli ultimi anni.

Si è visto in particolare che la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno rappresenta una delle principali cause di insonnia tra i pazienti e che può essere curata solo grazie all’intervento di uno specialista e in particolare del medico dentista.

Ma è anche un fatto di età come dimostra una ricerca giapponese pubblicata di recente e di cui in questo articolo vi portiamo i risultati più salienti.

Leggi Tutto
denti scricchiolano
I denti scricchiolano o fanno rumore? Vediamo cause e rimedi

Dottore, i miei denti scricchiolano! Che cosa può essere?

È normale essere assaliti da un vago senso di inquietudine quando sentiamo la nostra mandibola fare “click” nel momento in cui ad esempio addentiamo un panino.

Si tratta di una circostanza piuttosto comune e che spesso si accompagna ad altre patologie legate all’articolazione temporo-mandibolare.

In questo articolo cerchiamo di capire in maniera più semplice e sintetica possibile quali possono essere le cause di questo fastidioso disturbo e soprattutto le soluzioni e le terapie più efficaci per contrastarlo

Leggi Tutto
denti larghi
Denti larghi e distanti Capita anche ai vip

Brigitte Bardot, Ornella Muti, Ronaldo “Il fenomeno”, Madonna, Elton John e potremmo andare avanti ancora a lungo.

Vi starete chiedendo: cosa hanno in comune tutti questi personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo?

Sono tutti affetti, in forma più o meno grave, da diastema. Detto in parole povere, presentano denti larghi e distanti.

C’è chi li considera un segno distintivo e chi addirittura un portafortuna, ma i denti larghi e distanti possono anche dare origine a disturbi del cavo orale di non poco conto.

E sì, anche i VIP possono soffrirne.

Leggi Tutto
Bruxismo
La scelta del bite come rimedio al bruxismo

L’ortognatodonzia è una branca della medicina odontoiatrica che si occupa nello specifico dello studio, la diagnosi e la cura dei posizionamenti anomali degli elementi dentali.

Le malocclusioni in effetti possono dare origine a problemi di varia natura alla masticazione (con evidenti conseguenze sulla digestione), alla fonazione e alla postura.

Anche il bruxismo, ovvero la tendenza a digrignare i denti durante le ore di sonno, può essere causato da problemi ortodontici.

Tra i rimedi efficaci contro il bruxismo la scelta del bite è l’opzione che al momento consente di ottenere i migliori risultati. 

Leggi Tutto
serramento dei denti
Bruxismo e serramento dei denti: le parafunzioni

Bruxismo e serramento dei denti sono due parafunzioni che possono avere origini comuni ed effetti simili. Abbiamo già avuto modo di affrontare l’argomento bruxismo in un precedente articolo, mettendo in evidenza i possibili rimedi per combatterlo.

In questo articolo vogliamo invece inquadrarlo insieme all’altra parafunzione più diffusa, appunto il serramento dei denti.

 

Cosa sono le parafunzioni?

Ma che cosa si intende esattamente per parafunzioni?

Le parafunzioni sono atteggiamenti non fisiologici che il soggetto assume quando le due arcate dentarie entrano in contatto.

Non concernono, quindi, la modalità con cui le due arcate si interfacciano come nel caso dei disturbi di malocclusione, ma piuttosto l’“attitudine” alla tensione e allo stress che il paziente somatizza attraverso il contatto.

Per chiarire meglio il concetto, se la malocclusione riguarda il mancato allineamento tra le arcate, il bruxismo consiste nel digrignamento dei denti e rappresenta quindi un comportamento sbagliato assunto dal soggetto.

Allo stesso modo anche il serrare i denti esercitando una pressione anomala costituisce una parafunzione.

 

 

Come intervenire in caso di bruxismo, serramento dei denti e click mandibolare

È evidente, dunque, che le parafunzioni non hanno un’origine prettamente fisiologica, ma piuttosto psicologica.

Sono di fatto modi anomali di scaricare le tensioni e quindi di somatizzare lo stress e possono manifestarsi sia di notte che durante le ore diurne.

Sul lungo periodo questi atteggiamenti involontari provocano non pochi problemi a livello masticatorio.

Ci riferiamo in particolare al cosiddetto click mandibolare che consiste nell’alterazione dell’articolazione temporo-mandibolare derivante proprio da parafunzioni di lungo periodo.

È bene quindi intervenire tempestivamente quando ci si rende conto del problema.

Come?

Un modo sicuramente efficace consiste nell’applicare un bite dentale con l’obbiettivo di ripristinare la normale funzionalità masticatoria, ove necessario 

Il bite deve logicamente essere realizzato su misura dopo opportuna diagnosi effettuata presso uno studio dentistico specializzato.

A ciò si può accompagnare anche una terapia di tipo farmacologico attraverso la somministrazione di farmaci miorilassanti che contribuiscano, insieme a esercizi articolatori mirati, a decontrarre la muscolatura.

Sovente nella nostra clinica quotidiana ci capita di collaborare in team con un osteopata per realizzare la miglior terapia possibile per il paziente disfunzionale, analizzando il problema anche da altre prospettive.

Occorre dunque anche in questo caso rivolgersi a un medico dentista in grado di effettuare una diagnosi accurata e approntare la giusta terapia per il paziente.

 

 

 

Leggi Tutto
fototerapia
La fototerapia: la tecnologia nella terapia parodontale

In passato sul nostro blog abbiamo più volte sviscerato il tema della parodontite che è, insieme alla carie, una delle patologie dentali più diffuse.

Quest’oggi torniamo sul tema per illustrarvi l’efficacia della fototerapia come coadiuvante nella terapia della malattia parodontale.

Partiamo dal presupposto che sebbene il biofilm orale, ovvero la patina di microrganismi che si forma naturalmente sulla superficie di denti e gengive, rappresenti il principale fattore implicato nell’insorgenza della parodontite, esistono anche altre cause collegate a questa malattia.

Predisposizione genetica, stress, fumo, disfunzioni ormonali e altre malattie sistemiche possono infatti favorire il manifestarsi della parodontite.

La fototerapia può essere un ottimo coadiuvante nella terapia parodontale. Vediamo come e perché.

Leggi Tutto
Apnee ostruttive la sindrome e come curarla
Apnee ostruttive: la sindrome e come curarla

Forse hai già sentito parlare di sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (sintetizzata dall’acronimo OSAS), uno dei disturbi respiratori più diffusi e purtroppo sottovalutati che colpisce una larga parte della popolazione italiana e non solo.

Il fenomeno dell’apnee ostruttive si verifica durante il sonno e consiste in una parziale o talvolta completa ostruzione delle vie respiratorie superiori causando il classico e fastidioso russamento.

Si tratta di una vera e propria patologia che può colpire indistintamente uomini e donne, adulti e bambini.

Leggi Tutto
parodontite e cirrosi epatica
Parodontite e cirrosi epatica: risultati della ricerca

Non è la prima volta che ci occupiamo sul nostro blog di indagare il legame esistente tra salute orale e malattie sistemiche.

Sono sempre di più infatti gli studi e le ricerche che mettono in evidenza come la cura di denti e gengive possa essere di grande aiuto nella prevenzione e nel trattamento di patologie croniche a livello dell’intero organismo.

L’ultima prova in tal senso viene da una ricerca effettuata dalla Virginia Commonwealth University che mette in relazione parodontite e cirrosi epatica.

Leggi Tutto
demi moore denti
Perdere i denti per stress: Demi Moore

9Si possono davvero perdere i denti per lo stress? Pare proprio di sì, stando a quanto confessato di recente da Demi Moore.

L’attrice americana infatti ha raccontato di avere perso dei denti proprio a causa di uno stato d’ansia perdurante ed eccessivo.

Bellissima e amatissima dal pubblico, Demi Moore ha dovuto quindi ricorrere agli impianti dentali per sostituire alcuni denti naturali.

L’intervento di una bravo dentista le ha quindi restituito il suo sorriso sexy, ma evidentemente non deve essere stato un periodo facile per lei.

Se trascurati, infatti, gli effetti dello stress sul corpo (e non solo sulla mente) possono essere potenzialmente devastanti e compromettere anche il buono stato di salute di denti e gengive.

Leggi Tutto
mal di denti in vacanza
Come evitare il mal di denti in vacanza e godersi le ferie

Non c’è nulla di più odioso di una vacanza rovinata dal mal di denti, non è forse vero?

E perchè rischiare di mandare a monte le tanto sospirate e attese ferie estive per un motivo così banale quando è possibile prevenire e tenere sotto controllo eventuali situazioni a rischio.

Una visita dal dentista prima della partenza è la cosa più sensata e intelligente da fare per scongiurare complicazioni ed essere sicuri al 100% di poter godere sereni il vostro meritato riposo.

Considerate inoltre che in vacanza è facile concedersi qualche tentazione e vizio, per cui un controllo preventivo dall’odontoiatra non è certo una cattiva idea.

 

Paura del mal di denti in vacanza? Fai un controllo prima di partire

 

Poter partire con una dentatura in ordine e una salute orale senza problemi è indubbiamente un grande vantaggio e riduce in maniera sensibile le probabilità di avere il mal di denti in vacanza.

La visita odontoiatrica, infatti, serve per verificare la presenza di eventuali problemi o patologie latenti che potrebbero manifestarsi proprio durante il viaggio.

E allora perchè rischiare?

L’Associazione Nazionale Dentisti Italiani, a cui è iscritto anche lo studio dentistico dei Dott.ri Nobile di Torino, consiglia inoltre di sottoporsi a una seduta di pulizia orale professionale che vi assicura denti bianchi e perfetti e un alito più fresco e gradevole.

 

Nel caso di protesi e apparecchio ortodontico

 

Chi è portatore di protesi, sia fisse che mobili, deve sottoporsi a un controllo ancora più accurato in modo da valutarne la stabilità e la funzionalità masticatoria.

Allo stesso modo anche chi indossa un apparecchio ortodontico è tenuto ad effettuare un check-up prima della partenza.

Nel caso in cui dalla visita di controllo emergano problemi non immediatamente risolvibili che possono dar origine al mal di denti in vacanza, chiedete consiglio all’odontoiatra su come intervenire ed eventualmente la prescrizione di farmaci antidolorifici e antinfiammatori.

 

Comunque la cosa migliore che potete fare per prevenire il mal di denti in vacanza è quella di curare l’igiene orale tutto l’anno facendo attenzione ad utilizzare spazzolino e filo interdentale nella maniera corretta.

Leggi Tutto