disturbi cavo orale

Denti che si muovono
Denti che si muovono: cause e rimedi

Ti è mai capitato di avvertire la sensazione che i tuoi denti fossero mobili o persino instabili?

Se sì, allora dovresti prestare attenzione a ciò che stiamo per dirti. Quello della mobilità dentale, infatti, è un problema abbastanza diffuso, che non deve essere in alcun modo trascurato.

I denti che si muovono evidentemente indicano che qualcosa non funziona a dovere nel cavo orale e rappresentano un campanello d’allarme da non prendere sottogamba.

Vediamo insieme quali possono essere le cause di questo fenomeno.

Leggi Tutto
Usura dentale
Usura dentale: cos’è e come curarla

L’usura dentale è un problema che affligge un numero sempre più elevato di persone. Negli ultimi anni, in particolare, abbiamo assistito a un sensibile incremento di casi di usura in soggetti di ogni età.

Il consumo dello smalto può riguardare qualsiasi tipologia di superficie dentale: denti anteriori e posteriori, dell’arcata superiore e inferiore.

I sintomi sono abbastanza evidenti: rapido e progressivo ingiallimento dello smalto, deciso aumento della sensibilità dentinale a contatto con cibi e bevande calde e fredde, mal di denti.

Quali sono le cause di questo fenomeno? E quali sono i possibili rimedi e le terapie che possono essere adottati per curarlo?

Ne parliamo in questo articolo.

Leggi Tutto
sanguinamento delle gengive
Sanguinamento delle gengive: cause e rimedi

Scorgere la presenza di sangue nella saliva mentre ci laviamo i denti non provoca di certo in noi una bella sensazione.

La preoccupazione immediatamente ci assale, perché il più delle volte non sappiamo individuarne le cause.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la presenza di sangue in bocca è dovuto semplicemente al sanguinamento delle gengive.

Beninteso, questo non deve comunque lasciarci tranquilli in quanto le gengive sanguinanti sono sempre il sintomo evidente che qualcosa non sta funzionando nel nostro corpo.

Sì, ma che cosa esattamente? Cerchiamo di scoprirlo insieme in questo articolo.

Leggi Tutto
carie radicolare
Carie radicolare: sintomi e trattamenti

La carie è senza dubbio una delle patologie dentali più diffuse che coinvolge pazienti di tutte le età.

Occorre sottolineare, però, che non tutte le carie sono uguali. Alcune sono più difficili da individuare e colpiscono in prevalenza la popolazione adulta.

Ci riferiamo nello specifico alla cosiddetta carie radicolare, una particolare patologia di tipo carioso che colpisce la superficie del dente posta al di sotto della gengiva, detta appunto superficie radicolare del dente.

Si tratta di una lesiona cariosa che può avere uno sviluppo potenzialmente severo: la lesione infatti può diffondersi rapidamente e coinvolgere la polpa dentale fino a determinare la frattura del dente interessato.

Leggi Tutto
gengiviti
Gengiviti: cause e rimedi efficaci per le gengive infiammate

Ti è mai capitato guardandoti allo specchio di vedere le tue gengive particolarmente gonfie e arrossate?

Oppure quando ti lavi i denti di vedere tracce di sangue nella saliva?

Allora potresti avere la gengivite.

Non allarmarti, si tratta di un disturbo che colpisce circa l’80% della popolazione adulta, ma non per questo deve essere trascurata.

Infatti sebbene le gengiviti rappresentino una forma leggera di infiammazione delle gengive, se non vengono curate per tempo possono degenerare in forme infiammatorie più gravi come ad esempio la parodontite.

Dunque la cosa più opportuna da fare in questi casi è rivolgersi subito a un bravo medico dentista.

Leggi Tutto
conseguenze malocclusione
Malocclusione dentale: conseguenze su equilibrio e sport

Abbiamo già approfondito in precedenza sul nostro blog il tema della malocclusione dentale, mettendo in evidenza in particolare i fattori di rischio e le possibilità di intervento terapeutico che l’odontoiatria moderna ci mette a disposizione.

In questo articolo, invece, vogliamo soffermarci sulle conseguenze che la malocclusione può provocare su tutto l’organismo.

Diversi studi in merito, infatti, hanno dimostrato come un’occlusione non corretta di denti e ossa mascellari possa causare seri disturbi a livello posturale e non solo.

Leggi Tutto
Parodontite cos’e come curarla
Parodontite: cos’è e come curarla

La parodontite è un’infiammazione acuta del parodonto, ovvero l’insieme dei tessuti duri e molli che sorreggono il dente e lo tengono attaccato all’osso mandibolare.

Tale infiammazione può assumere forme più o meno gravi che possono implicare anche la perdita degli elementi dentari interessati.

Questa eventualità può essere scongiurata grazie a una diagnosi precoce e quindi alla messa in atto di una procedura di cura della parodontite personalizzata per ciascun paziente.

Diagnosi della parodontite

La compilazione della cartella parodontale è il primo fondamentale passo da compiere per la formulazione di un piano terapeutico efficace.

Si tratta di un esame diagnostico del cavo orale che offre una panoramica complessiva dello stato di salute di denti e gengive.

In base alla cartella parodontale il medico odontoiatra ha la possibilità di definire in maniera precisa una cura per la parodontite commisurata alle esigenze terapeutiche del singolo paziente.

La patologia può manifestarsi infatti secondo diversi livelli di gravità:

  • Può essere di tipo cronico e aggredire i tessuti del parodonto in maniera lenta ma progressiva con periodi di aggressione più rapida e pronunciata. Questa è la forma di parodontite più frequente e diffusa tra gli adulti, ma può verificarsi a qualsiasi età.
  • La parodontite può manifestarsi anche in correlazione con altre malattie sistemiche, come ad esempio leucemia, diabete, morbo di chron o altre patologie di tipo genetico. Tuttavia non sempre è facile stabilire se l’infiammazione gengivale sia causa o conseguenza di queste patologie.
  • Una delle forme più gravi è la parodontite necrotizzante, caratterizzata da necrosi progressiva dei tessuti gengivali, del legamento parodontale e dell’osso alveolare. Questo tipo di lesioni sono solitamente riscontrabili nei soggetti affetti da infezioni da HIV, malnutrizione, immunodepressione e stress.

Cura della parodontite

Una corretta ed efficace cura della parodontite si concentra innanzitutto sulla riduzione dei fattori di rischio e su una seconda fase di pulizia dentale profonda per la rimozione di tartaro e placca.

Come sempre l’igiene orale quotidiana è fondamentale e deve comprendere anche l’uso del filo interdentale e di un collutorio a base di clorexidina.

Nei casi più ostinati il medico dentista può prescrivere una terapia a base di antibiotici, mentre la chirurgia è una soluzione per casi estremi, ove sia necessario rimuovere la tasca e rimodellare l’osso.

L’estrazione del dente interessato infine può avvenire nei casi irrisolti.

Leggi Tutto
salute gengivale
Salute gengivale: fa bene non solo ai denti

La salute gengivale è direttamente correlata alla salute di tutto l’organismo. Lo dimostrano diversi studi e una corposa bibliografia a riguardo.

Data l’importanza di questo argomento, dunque, abbiamo scelto di trattare più volte qui sul nostro blog disturbi e problematiche parodontali.

Come abbiamo visto, ad esempio, gengive che si ritirano e gengive infiammate rappresentano importanti conseguenze delle patologie parodontali, come la gengivite e la parodontite.

Ma non sono le uniche. In questo articolo vogliamo tornare sull’argomento e provare ad approfondire.

 

I piccoli segnali per monitorare la tua salute gengivale

La prima fondamentale cosa da fare per cercare di preservare la propria salute gengivale consiste certamente nell’eseguire una costante opera di auto-monitoraggio durante le fasi di igiene dentale quotidiana.

È importante, infatti, fare attenzione ad alcuni piccoli segnali che possono indicare la presenza di una patologia in atto.

Ad esempio: controllare se le gengive appaiono gonfie e arrossate o se durante lo spazzolamento si evidenzia del sanguinamento; notare se alcuni denti appaiono più “lunghi” di altri con gengive corte e strette; e ancora verificare l’eventuale presenza di pus.

Questi sono tutti segnali che ci dicono che qualcosa non va e che le gengive soffrono di una qualche forma infiammatoria.

 

L’arma migliore per la salute gengivale

La gengivite è un’infiammazione superficiale delle gengive che provoca arrossamento, sensibilità e sanguinamento.

Possiamo considerare invece la parodontite una forma di gengivite aggravata in cui l’infiammazione non si ferma alla superficie ma può scendere in profondità fino a coinvolgere il tessuto di sostegno e la radice dei denti.

In questo caso la recessione gengivale potrebbe risultare più evidente e il sanguinamento si manifesta con maggiore frequenza.

La tenuta stessa dei denti è fortemente a rischio e le probabilità di perdere gli elementi dentari aumentano.

Come fare per scongiurare questa eventualità?

La prevenzione è l’arma migliore che abbiamo per preservare la nostra salute gengivale. Questo si traduce all’atto pratico in:

  • pulizia quotidiana e accurata dei denti
  • monitoraggio costante
  • alimentazione sana a basso contenuto di zuccheri
  • no al tabacco e uso moderato di alcool

Si tratta di poche e semplici abitudini di vita che sarebbe bene far proprie fin dall’infanzia.

Leggi Tutto
recessioni gengivali
Cosa sono le recessioni gengivali?

Le recessioni gengivali rappresentano una tipologia di disturbo dentale molto diffusa.

Da un recente studio condotto su un campione di popolazione statunitense si è visto infatti che il fenomeno di recessione delle gengive colpisce circa il 90% della popolazione anziana.

Ma non solo. Anche nella popolazione adulta, quindi persone di entrambi i sessi, con un’età compresa tra i 18 e i 64 anni, esso si è manifestato in oltre il 50% dei casi.

Questi dati ci danno conto di quanto il problema sia effettivamente pressante e diffuso tra la popolazione e dell’importanza della parodontologia, la disciplina odontoiatrica che si occupa proprio di questa patologia.

Leggi Tutto
denti scricchiolano
I denti scricchiolano o fanno rumore? Vediamo cause e rimedi

Dottore, i miei denti scricchiolano! Che cosa può essere?

È normale essere assaliti da un vago senso di inquietudine quando sentiamo la nostra mandibola fare “click” nel momento in cui ad esempio addentiamo un panino.

Si tratta di una circostanza piuttosto comune e che spesso si accompagna ad altre patologie legate all’articolazione temporo-mandibolare.

In questo articolo cerchiamo di capire in maniera più semplice e sintetica possibile quali possono essere le cause di questo fastidioso disturbo e soprattutto le soluzioni e le terapie più efficaci per contrastarlo

Leggi Tutto